Le virtù della frutta secca

Con l’espressione “frutta secca” si identificano due tipologie di frutta: quella oleosa con guscio legnoso e quella essiccata (ovvero quella a polpa che viene disidratata).

La prima è anche definita “lipidica” in quanto è povera di zuccheri ma ricca di grassi. A questo gruppo appartengono le arachidi, i pistacchi, le mandorle, i pinoli, le noci, gli anacardi e le nocciole. Di solito sono alimenti che consumiamo durante aperitivi, feste o occasioni particolari, ma in realtà mangiarli quotidianamente, specialmente al mattino o come spuntino lontano dai pasti, dovrebbe essere un’abitudine poiché questa frutta è fonte di energia, proteine, grassi, fibre, minerali e vitamine ed è quindi ottima per la nostra salute, ricordandoci però di evitare gli eccessi dal momento che possiede un alto contenuto di calorie (20-30 grammi al giorno sono la quantità consigliata). Inoltre, la frutta secca svolge un’azione preventiva nei rischi dell’apparato cardiaco.

Le sue proprietà benefiche sono molteplici:
– è antinfiammatoria;
– è antiossidante: contiene flavonoidi che contrastano i radicali liberi e quindi l’invecchiamento;
– aiuta il sistema cardiovascolare: riduce i rischi dell’apparato grazie ai suoi grassi Omega 3 e Omega 6 che contribuiscono ad abbassare il colesterolo cattivo nel sangue e i trigliceridi;
– regola l’attività intestinale e contrasta la stitichezza, l’ansia e il cattivo umore.

Conosciamo meglio i principali frutti secchi:
Noci: utili contro aterosclerosi e malattie cardiovascolari, sono ricche di vitamina E, Omega 3, Omega 6 e magnesio.
Mandorle: considerate un rimedio contro l’ansia e il cattivo umore, favoriscono la concentrazione e il transito intestinale. Contengono vitamine, sali minerali, acidi grassi e proteine.
Arachidi: sono antiossidanti perché contengono polifenoli e sono ricche di sali minerali e arginina.
Pistacchi: sono un aiuto contro il diabete e l’artrite, e contengono elevate quantità di sali minerali, proteine, vitamine A e B e Omega 6.
Anacardi: si ritiene abbiano un effetto antidepressivo, contrastano il colesterolo cattivo e sono ricchi di vitamine B, acidi grassi e sali minerali.
Pinoli: stimolano l’energia mentale, aiutano chi soffre di debolezza o stanchezza cronica, sono ricchi di vitamine, sali minerali, fibre e proteine.

E’ consigliabile non consumare frutta secca in caso di disturbi all’apparato gastrointestinale, come gastrite e colite e in caso di gotta.

Infine, essendo senza glutine è ottima anche per chi soffre di celiachia e, avendo un alto apporto energetico, è anche molto consigliata a chi pratica sport.