I Lunghi Tempi della Giustizia in Italia

La giustizia in Italia è un tema quanto mai attuale: la prescrizione, la lunghezza dei processi,  l’estensione delle possibilità investigative dello studio legale della difesa, la possibilità di chiedere una  revisione del processo anche dopo la sentenza definitiva, sono tutti temi dei quali si sta parlando molto negli ultimi tempi.
Il tema della giustizia è un ambito  molto vasto che nonostante sia suddiviso in molte specificità,  ognuna con caratteristiche diverse, deve essere affrontato con una visione  generale di insieme nella quale deve essere tenuto conto dei diritti di tutte le parti in causa.
Giudice, avvocato, pubblico Ministero, imputato e parte lesa sono tutti attori chiamati a svolgere un ruolo importante per il raggiungimento  di una verità processuale che possa essere credibile ed equa per tutti.
Il grande numero leggi che caratterizza oggi la giustizia  in Italia dovrebbe avere come fine ultimo l’ottenimento di sentenze  eque è credibili da realizzare nel tempo più breve possibile, accade purtroppo spesso che la complessa ed articolata legislazione italiana ottenga il risultato contrario.
In molti casi l’attesa di giudizio stessa si trasforma in una sorta di punizione per gli imputati non ancora condannati e innocenti fino a prova contraria, in molti casi lo studio legale della difesa ed i pubblici ministeri finiscono per proporre accordi tra le parti che evitino attese lunghissime sia agli imputati sia alle parti lese.
I lunghi anni necessari oggi alla  giustizia italiana per emettere le proprio sentenze si trasformano in attese inaccettabili per un paese che si considera civile.
Risolvere una tale situazione e oggi la più grande sfida e per la giustizia italiana, una sfida che potrà essere vinta solo se tutte le parti in causa  collaboreranno per trovare un nuovo equilibrio nell’interesse di tutti.
In caso contrario la giustizia nel nostro paese  proseguirà non solo nell’attuale declino ma finirà  per essere considerata sempre di più fautrice di enormi disagi per i cittadini, che sempre più spesso finiranno  per rinunciarvi esautorando di fatto il ruolo stesso della legge.
Accade spesso  che lo studio legale che difende i diritti del cittadino suggerisca di non intraprendere un’azione legale per i reati  minori o di optare per una mediazione tra le parti onde evitare attese lunghissime.
Nonostante  la mediazione legale sia una opzione prevista  dalla legge e caratterizzata da molti risvolti positivi, questa non può essere la soluzione ai problemi della giustizia in Italia che finirebbe per essere esautorata del proprio ruolo.