Avvocati e Tribunali in Difficoltà per Processi Troppo Lunghi

Le difficoltà di molti avvocati e tribunali italiani ad arrivare ad una sentenza in un tempo ragionevole pone la giustizia italiana in una situazione difficile da risolvere.
Il continuo accumularsi dei processi rischia di diventare un problema irrisolvibile per alcune procure del paese, nonostante l’esistenza di zone virtuose dove i processi vengono svolti entro i termini di legge stabiliti ne esistono altri dove la lentezza dei processi è ormai diventata cronica.
Questo problema della giustizia italiana oltre ad essere un peso importante per le procure ed i tribunali e un impedimento al normale svolgimento del lavoro di uno studio legale si trasforma in una sofferenza senza fine sia per gli imputati che per le vittime coinvolte nel procedimento penale.
Le cause di questi ritardi nei processi sono varie, se in alcuni casi si possono ricercare responsabilità dirette in una cattiva gestione delle procedure, in altri i ritardi sono dovuti ad evidenti mancanze di strutture adeguate oltreché ad numero insufficiente del personale preposto alregolare svolgimento dei processi.
Questo stato di cose porta le parti in causa a cercare soluzioni alternative ad un normale svolgimento del processo, in alcuni casi lo studio legale non può esimersi a cercare di favorire una strategia che in porti il processo ad una prescrizione per quanto riguarda i reati più gravi.
In altri casi nei quali è possibile cercare un accordo tra le parti la mediazione legale è una alternativa che può risultare valida per entrambi le parti in causa che così possono risparmiarsi un attesa lunghissima che a volte è ancor peggio di una sentenza avversa.
Il gran numero di leggi presenti nell’ordinamento giudiziario nonostante sia un segno di una giustizia improntata al garantismo è in molti casi un ulteriore complicanza allo svolgimento di un processo, avvocati e studi legali lo sanno bene e per questo in lacuni casi consigliano una sentenza breve ai propri assistiti.
Questo accade non per mancanza di competenza e professionalità degli avvocati ma piuttosto per un buon senso maturato in anni di esperienza che è stato testimone di come un processo oltre i limiti di legge stabiliti porti ad uno stress in alcuni molto più pesante di una sentenza avversa.
Questo stato di cose della giustizia in italia non è passato indenne nemmeno dalla corte europea per i diritti dell’uomo che ha intrapreso procedure di infrazione proprio per l’eccessiva lunghezza dei processi italiani.